News Immobiliari Stimacasa

Lavori in casa, i bonus fiscali del 2018 che tagliano i costi

Ristrutturazioni, i bonus fiscali del 2018 che tagliano i costi dei lavori.
Anche per il nuovo anno sono previsti bonus fiscali per chi decide di intervenire sulla casa.
Le detrazioni hanno un ampio raggio d’azione sugli interventi edilizi, dalla ristrutturazione al risparmio energetico, dalla messa in sicurezza antisismica al verde.
Per tutti i bonus la detrazione fiscale viene ripartita in 10 anni ad esclusione del sisma bonus che è ripartito in 5.
Per usufruire delle agevolazioni i pagamenti vanno effettuati con sistemi tracciabili come ad esempio il “bonifico parlante” ed occorre conservare le relative fatture.

Lavori in casa, i bonus fiscali del 2018 che tagliano i costi

1. Detrazione Irpef sui lavori

L’ever green è il bonus per la ristrutturazione, prorogato fino al 31 dicembre 2018.
La detrazione Irpef è del 50% e si applica su una spesa massima di 96mila euro per ogni unità immobiliare.
Gli interventi che ricadono all’interno di questa agevolazione sono molti.
L’agenzia delle entrate ha elaborato un’apposita guida che riporta un elenco dettagliato. Dagli interventi più pesanti di una ristrutturazione completa fino a quelli più leggeri come installare una porta blindata.
Per i lavori che rientrano in questo bonus occorre verificare quali siano i titoli abilitativi necessari.
Per gli interventi di ristrutturazione iniziati nel 2017 inoltre è possibile usufruire di un secondo bonus, quello per l’acquisto dei mobili. Il tetto è 10mila euro e la detrazione applicabile è del 50%.

2. Detrazione Irpef sisma bonus

Il sisma bonus riguarda tutte le opere per la messa in sicurezza antisismica effettuate su abitazioni ed attività produttive che si trovano in zona sismica 1, 2 o 3.
La detrazione per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021 è del 50%.
L’ammontare massimo di spesa è di 96mila euro per ogni unità abitativa e per ciascun anno.
Con la certificazione del miglioramento del fabbricato di una classe di rischio sismico la detrazione sale al 70% e all’80% se si migliora di 2 classi.
Quando i lavori vengono effettuati sulle parti comuni di un condominio la detrazione è dell’80% e dell’85%.
A questo proposito la legge di Bilancio ha introdotto una detrazione maggiore se si unisce il sisma bonus all’ecobonus. L’80% per il miglioramento di una classe di rischio e l’85% per le due classi con una spessa massima per ogni unità abitativa di 136mila euro.

3. Detrazioni per il risparmio energetico

Si riconferma l’ecobonus che però passa dal 65% al 50% per i più comuni interventi come ad esempio la sostituzione delle finestre e l’istallazione delle tende.
La detrazione resta del 65% per la coibentazione, la riqualificazione energetica degli edifici, l’installazione di pannelli solari, la sostituzione di scaldacqua tradizionali con quelli a pompa di calore ed i dispositivi multimediali per il controllo in remoto degli impianti di riscaldamento (domotica).
Le regole per usufruire di questa detrazione sono un po’ più complicate ed è meglio ricorrere al supporto del professionista. Occorre infatti rispettare i requisiti prestazionali minimi imposti dalla normativa e presentare la pratica all’Enea entro 90 giorni dalla fine dei lavori.
Per i condomìni che effettuano lavori sulle parti comuni questo bonus è in vigore fino al 2021 e può toccare anche il 75% se si migliorano le prestazioni energetiche invernali ed estive.

4. Detrazione Irpef per la sistemazione del verde

La novità introdotta dalla legge di stabilità è il bonus verde.
A poter scontare l’Irpef sono anche i lavori effettuati su giardini, terrazzi e balconi.
La detrazione è del 36% per una spesa massima di 5mila euro per ogni unità abitativa sostenuta entro il 31 dicembre 2018.
Per i condomìni e gli interventi su parti comuni il limite è commisurato al numero di unità. La detrazione verrà poi divisa tra i condòmini per la quota a loro imputabile.
Per questo nuovo bonus l’agenzia delle entrate non ha ancora pubblicato una guida con tutti i dettagli ed i lavori detraibili.

Bonus 2018
Valutando la tipologia di intervento, i limiti di spesa, le procedure e la detrazione si può verificare quale sia il bonus fiscale migliore e più conveniente.
Per tutto il 2018 si può usufruire dei bonus fiscali per affrontare i lavori sulla casa tagliando i costi.
Approfitta dei bonus fiscali e migliora il tuo modo di abitare!

Fonte: homestagingitalia.it

 

Ricerca immobile


-

05.000.000

Ultime Notizie

Lavori in casa, i bonus fiscali del 2018 che tagliano i costi

Ristrutturazioni, i bonus fiscali del 2018 che tagliano i costi dei lavori. Anche

Leggi ancora

© copyright 2017 - Sviluppo e comunicazione Altravia.com - SEGUICI SU: | | |